Impianti termici

 

L'impianto termico è il sistema integrato di componenti attraverso il quale si può regolare la temperatura interna degli ambienti.

In senso lato, per impianto termico si intende sia la componente dedicata a fornire calore durante il periodo invernale (cioè l'impianto termico in senso stretto), sia la componente dedicata a sottrarre calore durante il periodo estivo con il caldo. La componente dedicata al raffrescamento estivo è indicata, generalmente, come "impianto di condizionamento".

L'apporto di calorie e/o frigorie all'ambiente servito può avvenire attraverso numerosi sistemi e componenti che si differenziano sia per le modalità di generazione, sia per il sistema di vettoriamento (ovvero come le calorie/frigorie sono trasferite dal generatore al componente di cessione), o per la modalità con cui avviene il trasferimento di calore (conduzione, convezione o irraggiamento).

Per quanto concerne gli impianti termici intesi nell'accezione comune del termine (impianto dedicato al solo riscaldamento invernale), è possibile classificarli come segue:

  • funzionamento continuo, intermittente, discontinuo: a seconda che l'impianto funzioni ininterrottamente tutti i giorni del periodo invernale oppure sia prevista una interruzione durante alcune ore prestabilite del giorno oppure funzioni in maniera irregolare (cioè con cicli di accensione e spegnimento programmati)
  • centrale o autonomo: a seconda che esista un'unica caldaia che provveda al riscaldamento centralizzato di un intero edificio oppure ogni unità immobiliare sia dotata di una propria caldaia gestita in maniera autonoma
  • diretto o indiretto: a seconda che gli elementi riscaldanti siano inseriti nell'ambiente da riscaldare o siano esterni ad esso
  • a bassa, media o alta pressione: a seconda dell'entità della pressione durante la fase di espansione del ciclo termodinamico
  • ad un tubo o a due tubi
  • a circolazione naturale o a circolazione forzata: a seconda che la circolazione dell'acqua nelle tubazioni dell'impianto avvenga per effetto della differenza di peso specifico dell'acqua stessa nelle tubazioni di mandata e di ritorno oppure avvenga a mezzo di una pompa
  • ad acqua, a vapore o ad aria: in relazione al fluido termovettore in circolo nelle tubazioni.

 

Esistono tante tipologie di impianti di riscaldamento: caldaie a condensazioni o tradizionali, pompe di calore, termocamini, radiatori, termoconvettori e sistemi di riscaldamento a serpentina (a pavimento, battiscopa, parete o a soffitto…). Quali sono gli impianti di riscaldamento più efficienti?

Quando si parla di efficienza, è raro poter puntare in modo indiscusso su un’unica tecnologia: molto dipende dal modello d’impianto ipotizzato ed è quindi compito del progettista valutare il sistema più idoneo per il cliente.

Di seguito, ad esempio metteremo a confronto le diverse tipologie di impianti di riscaldamento per la produzione di calore.

Un impianto di riscaldamento è composto da sistemi per la produzione di calore (per esempio, la caldaia o lo scambiatore) e dispositivi per la trasmissione del calore (come i radiatori -termosifoni- o i bocchettoni in caso di stufe a pellet).

Le diverse tipologie di impianti di riscaldamento differiscono tra loro per i sistemi di produzione di calore. La prima classificazione avviene per il tipo di combustibile impiegato (carbone, gas, legna, gasolio…) o la fonte di energia usata (energia geotermica, solare, elettrica…) per riscaldare il termovettore (aria, acqua o vapore) che viene convogliato nei locali da riscaldare.

Tipologie di impianti di riscaldamento

Per la distribuzione del calore prodotto dalle caldaie si usa l’acqua che riesce a riscaldare casa attraverso una rete di elementi terminali (termosifoni, caloriferi, impianto radiante) disposti nelle varie stanze dell’edificio da riscaldare.

I radiatori possono essere realizzati in diversi materiali e quindi sfoggiare differenti proprietà/caratteristiche (tempo impiegato per riscaldare la stanza, tempi di raffreddamento…)

Oltre per il tipo di radiatore usato, gli impianti si classificano in base a fattori come:

  • La potenza termica nominale
  • Caldaie murali, caldaie a basamento o a fiamma inversa.
  • Il luogo dell’installazione: Abbiamo caldaie da esterno o da interno
  • Il tipo di tiraggio dell’aria: Può essere a camera stagna o a camera aperta
  • Il combustibile impiegato per la produzione di calore: Caldaie a metano, gpl, gasolio, pellet o legna.
  • La tecnologia di scambio: Abbiamo le più innovative caldaie a condensazione e le caldaie tradizionali.

Caldaia a condensazione

Nella più innovativa caldaia a condensazione, il calore dei gas derivati dalla combustione, viene recuperato. Nei modelli tradizionali il gas della combustione è espulso con i fumo di scarico mentre nel tipo a condensazione, questo gas è “condensato” e riutilizzato nel processo di riscaldamento. Le caldaie a condensazione sono tutte a tenuta stagna.

Caldaia elettrica

In commercio non mancano caldaie elettriche ma la loro convenienza è strettamente correlata all’impiego di un piccolo impianto fotovoltaico.

Alla caldaia, a prescindere dal tipo, è affidata la produzione di acqua calda sanitaria.

Pompe di calore

La pompa di calore funziona prelevando il calore da un ambiente più freddo per poi trasferirlo a un ambiente più caldo. Le pompe di calore differiscono tra loro per il tipo di fonte di calore usata (acqua, aria, terra) e per il tipo di combustibile usato (energia elettrica oppure a gas). Lo scaldacaqua a pompa di calore è un’ulteriore applicazione della tecnologia che è alla base della pompa di calore.

Termocamini

Tra le tipologie di impianto di riscaldamento figurano i termocamini. Questi sistemi impiegano, come combustibile,  pellet o legna ma anche gpl, metano, gasolio, bioetanoloI temocamini si differenziano anche in base al modo in cui diffondono il calore.

I termocamini, in confronto ai classici camini a camera aperta, consentono di non disperdere buona parte del calore che altrimenti andrebbe perso mediante la canna fumaria.

 

Top
Il sito www.esasystems.it utilizza cookie, anche di terzi, per offrire servizi in linea con le tue preferenze e permetterti una migliore esperienza di navigazione.Se vuoi saperne di più o vuoi negare il consenso visita la sezione dedicata ai cookies. Se chiudi questo banner, scorri o clicchi la pagina su qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. cookies -informativa-privacy Cookie policy. I accept cookies from this site. Agree